• Occhio, vi tengo d’occhio!
    A cura di Silvio Foini
  • 27.3.13
    Sollevato anche l’ultimo velo, e addio privacy! Ma se serve contro l'evasione, ce ne faremo una ragione

    L’occhio dello stato, al pari dei quello del grande fratello televisivo, frugherà “legalmente” sin dentro lo sgualcito borsellino delle vecchie signore per vedere quale tesoro vi sia celato. Tutto questo in nome della lotta all’evasione fiscale. Si violerà così il secolare segreto bancario: tutto alla luce del sole, conti correnti (che ormai dove volete che corrano), depositi, titoli, redditi percepiti e tutto quel che si muove in banca. Una volta tutto questo avveniva su specifica richiesta di accertamento fiscale, mentre ora avverrà in automatico per tutti.

    Un ringraziamento particolare va ai farabutti che hanno “obbligato” lo stato a questa sorta di santa inquisizione. Chi non ha nulla da temere, come il sottoscritto, storcerà un pochino il naso ma se ne farà una ragione: il prato va rasato e quando passa il tagliaerba sotto le lame cadono tutti, fiori, steli e a volte ci lasciano le antenne pure i grilli. Perlomeno speriamo che serva davvero e che anche i signori delle varie caste (politici, notai, medici, architetti e tutti quelli che si riempiono le tasche sfruttando gli altrui bisogni) passino sotto la gogna finanziaria. Lo Stato sta raschiando il fondo del barile, quindi raccoglierà quel che potrà e dove potrà. Se tutto funzionerà a dovere, e non come al solito qui da noi, mi sa che ne vedremo e sentiremo delle belle.

    Sono presenti 4 commenti

    Anonimo ha detto...

    Bene! Ora speriamo che i disonesti paghino tutto e fino all'ultimo cent e che si lascino vivere i poveri pensionati e chi non arriva alla fine del mese.

    Anonimo ha detto...

    Mandiamoli a Casa!!!!!!!!! WIVA Grillo!

    Anonimo ha detto...

    Si sono ciucciati tutto ora vogliono prendersi i ns risparmi. Facce di m..da!

    Anonimo ha detto...

    Devono prenderceli perché ci saranno nuove elezioni e queste carogne mica spendono del loro!

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa