• Occhio, vi tengo d’occhio!
    A cura di Silvio Foini
  • 5.2.13
    A lanciare la Rete una dama svizzera e un postelegrafonico di Lodi

    L’ingegnosa trappola tesa dai due furbacchioni consisteva nell’inviare a migliaia di sanitari italiani, da parte di una fantomatica società portoghese, un modulo di iscrizione per aggiornamento notizie di una banca dati on line apparentemente gratuita gestita da un inesistente “Registro Italiano dei Medici” per fini promozionali. Al prestampato era allegata una lettera dal contenuto capzioso che lasciava intendere ai destinatari che l'apposizione della crocetta nello spazio indicato sul modulo e la successiva rispedizione dello stesso avrebbe comportato il recesso dal contratto. La mancata ritrasmissione dell’opuscolo, invece, avrebbe comportato una sorta di silenzio-assenso all’adesione e al rinnovo dell'accordo contrattuale. Praticamente i due marpioni promettevano iscrizione gratis a un registro che era a pagamento, mentre ai medici lasciavano intendere che se non volevano sottoscrivere la proposta erano obbligati a compilare il modulo e rispedirlo al mittente. Ciò comportava invece l’adesione ad un contratto a titolo oneroso con la società portoghese che sarebbe durato tre anni con un versamento annuale di 1.300 euro.

    Alcuni dei medici, subodorando di essere stati presi per il naso, al sollecito del pagamento della cifra per il secondo anno minacciavano di rivolgersi alla Gdf. I due “portoghesi” allora scendevano a più miti consigli e per evitare noie giudiziarie chiedevano solo 500 euro per la rescissione del “contratto” prima dei tre anni posti in scadenza. Però la solerte Gdf, su mandato della Procura di Santa Maria Capua Vetere, aveva scoperto l’altarino attraverso il sito internet www.registromedici.com: i soldini giungevano ad una casella postale di Lodi, ove operava il nostro onesto postelegrafonico che poi divideva con la dama elvetica operante dal Portogallo il maltolto.

    Cosa non sa inventare la fantasia truffaldina in questi tempi di crisi? Occhio quindi alle truffe che stanno sempre in agguato: i lupetti travestiti da agnellini imperversano!

    Sono presenti 2 commenti

    Anonimo ha detto...

    Questa é una piccola truffetta a paragone di MPS!
    I medici si facciano più furbi anche loro. Pur di far soldi ci cadono proprio tutti. In questo periodo nessuno regala niente a nessuno.

    Anonimo ha detto...

    I medici non sono poi tanto intelligenti: compiono un mucchio di sbagli: amputano la sinistra invece che la destra ecc.ecc. Fanno felice il Berlusca, per via della sinistra....
    Ghigno Satanico.

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa