• Occhio, vi tengo d’occhio!
    A cura di Silvio Foini
  • 14.1.13
    La paura fa novanta e gli italiani frenano le spese

    Già, per colpa di una miriade di furbetti, evasori&company, fra poco il fisico passerà il suo pettinino dai denti d’acciaio sulle nostre povere teste. Tutto verrà posto sotto la lente d’ingrandimento: cosa ti sei permesso di comprare? Hai cambiato la tua vettura? Dove hai preso i soldi? Dove siamo andati a finire… Alcuni dicono in uno stato di polizia, altri si lagnano della troppo massiccia intrusione dello Stato nella vita dei cittadini. Per di più i controlli saranno automatizzati e non terranno conto quindi di molte varianti, ergo dovremo dimostrare noi se il fisco ha preso un abbaglio nei nostri confronti. Ci vedremo costretti alla affannosa ricerca nella memoria e nelle enormi pigne di scartoffie che teniamo nell’armadio per cercare di ricordare dove siano finiti quei mille euro che mancano magari all’appello.

    Al problema del vivere in questa giungla burocratica che ci obbliga ad avere un commercialista (che si paga a peso d’oro ormai) che si sappia muovere fra leggi, leggine, decretini e pastoie varie, ora si aggiunge la paura di andare a guardare nella cassetta della posta e di trovarvi magari una letterina della Agenzia delle Entrate che ti invita, anzi ti obbliga, ad un rendiconto magari impossibile. Chi si tiene ogni scontrino, ogni prova di ciò che hai speso? Mica siamo tutti Formigoni che facciamo vacanze nel mar dei Caraibi! Al massimo andiamo a Rimini otto giorni con la famiglia e la fattura dell’albergo l’abbiamo gettata dopo un mese dal rientro. Dico Rimini per chi ci può ancora andare, beninteso! Coi chiari di luna che corrono va già bene una gitarella fuori porta!

    Insomma, a peso aggiungiamo peso. Dormiremo ancora sonni tranquilli anche se sappiamo di essere sempre stati onesti? Ho i miei dubbi, condivisi da milioni di cittadini. Saranno gli onesti a dover dimostrare di essere tali? I grandi evasori sono scaltri e molto agguerriti e ci vuol altro che il redditometro per stanarli. Praticano con successo, da sempre, l’arte di fregare lo Stato e di conseguenza il prossimo. Sarebbe poi facile, a ben vedere, individuarli. Pochi hanno Ferrari in garage o ville faraoniche fuor dei patri lidi. A questi signori andrebbero fatte la pulci e non all’operaio o all’impiegatino che magari, lavorando e sacrificandosi per decenni, ha depositato sul misero conto corrente solo 10.000 €!

    Assisteremo quindi ad un’atra potente frenata sui consumi, anche quelli più piccoli, e chi ne farà le spese sarà l’economia delle aziende, piccole e medie, che si troveranno a dover lasciare a casa padri di famiglia… e andrà sempre peggio. Occorre creare lavoro, e non seguitare ad oberare di tasse la gente. Speriamo che coloro che si andranno a sedere nell’agognato scranno del Parlamento lo capiscano ed adottino misure non di terrore ma di sviluppo, o da qui non si viene fuori. Non sarà di certo il redditometro a salvare il paese…

    Sono presenti 16 commenti

    Anonimo ha detto...

    quando torneranno Berly e company il redditometro sparirà. Niente paura.
    Meno male che Silvio c'é ancora e sarà vincente.
    Alberto

    Anonimo ha detto...

    Non sanno altro fare che raschiare il fondo del barile in ogni modo, non sanno che pesci prendere e non fanno progetti per il futuro. Solo tasse su tasse. A questo punto, anche se ne avrei fatto a meno, bentornato Berlusconi!
    E' il meno peggio dopo aver provato i tecnici.

    Anonimo ha detto...

    A quando la tassa sull'aria che respiriamo? E sulla camera da letto? Si vergognino!
    L'appuntamento sarà il 24 e il 25 febbraio. Tassiamoli noi con una bella pedata nel deretano.
    Alfio inca...to!

    Anonimo ha detto...

    Ieri sera a Ballarò han detto le stesse cose scritte qui sopra. Vi leggerò più spesso. Siete molto ben preparati e chiari più di tante blasonate
    testate. Ok!

    Anonimo ha detto...

    Penso che , se abbiamo un reddito fisso e non abbiamo una Ferrari in garage , non dobbiamo temere il redditometro che comunque c'è già, il nuovo "dovrebbe" entrare in vigore a marzo. Quanto al grido di "osanna" per il ritorno del barzellettiere, dico che è stato un peccato aver salvato l'Italia dalla bancarotta,(..e siamo arrivati lì grazie al solito personaggio) forse anche chi, ancora oggi auspica una sua vincita ,avrebbe capito e chissà chi avrebbe incolpato!. Come si fa a credere a uno che l'altro ieri ha proposto Draghi al Quirinale e oggi ha smentito la notizia dopo che Draghi ha detto "no grazie" il mio impegno in Europa scade nel 2019 ? Teniamo presente che è imputato, lui che vorrebbe processare i giudici!

    Anonimo ha detto...

    Al commentatore di sopra. Allora vota PD e sii felice, oppure Monti se ti piace. Tanto per noi cambia nulla. Il ritorno dei Berlusconi ti agita?
    Vedrai dopo se non torna che disastro. Tappati il naso e vota chi vuoi, puzzano tutti!

    Anonimo ha detto...

    Nessuna agitazione ma tanta pena per chi vota un menzoniere, sono una persona seria e sceglierò tra le persone serie e affidabili.AndATE VOI SGUAIATI SAPIENTONI A GOVERNARE !!

    Anonimo ha detto...

    Monti é molto "affidabile". Staremo a vedere se vincerà e dove andrà a finire... poi giudicheremo il gran sapientone. Ma mai Berlusconi. Ci é costato troppo caro in 20 anni. Ciao.
    Pratonero.

    Anonimo ha detto...

    Concordo con quanto scritto sopra, Ciao.

    Mafaldina ha detto...

    Bersani ha la "bava" per la patrimoniale.....e significherà che chi ha sudato il culo per nn intasare le liste delle case popolari continuerà a pagare ciò che si è costruito, Monti visti i suoi candidati "perbene" come il direttore gay della toscana si prepara a fare battaglie "urgenti" per Lorsignori e ...alle famiglie italiane nn resta che arrangiarsi!! In questo panorama mille volte meglio Berlusconi!

    Anonimo ha detto...

    Mafaldina sei divina! Sante parole dalla tua bocca! Mille volte meglio Berlusconi. Silvio forever!
    Lui é la nostra speranza alla faccia di chi gli sputa sopra. Manica di dementi.

    Anonimo ha detto...

    Berlusconi é un grande. Lo dirà la storia. Chi non lo capisce é ottuso e merita la sinistra.
    Baldo.

    Anonimo ha detto...

    A bugie è sicuramente il più grande, ottuso è chi ancora lo crede.

    Anonimo ha detto...

    Sono tutti bugiardo. Guardate Monti e i suoi voltafaccia. Berlusconi 2!

    Anonimo ha detto...

    Ve li meritate,vi siete chiesti come mai si è dimesso il Papa?
    Ai posteri l'ardua sentenza.

    Anonimo ha detto...

    lo stato italico nella sua componente burocratico-sindacale-politica è la piu grande associazione a delinquere di massa mai esistita sulla faccia della terra, piu dei bolscevichi assassini di professione, piu di pol pot sterminatore di contadin migliori di lui e piu in gamba, con i d'alema, bersani befera feroci sanghisughe di stato ci aspetta il precipizio del fallimento, basta con i falliti di successo basta con i mantenuti e parassiti di stato, basta strilloni a comando comunista, basta invidiosi e pantegane e baldracche di regime a spes e delle categorie produttive, ribelliamoci, la felicita i grandi popoli l'hanno trovata quando si sono ribellati ai loro gabellieri alla befera, stati uniti, contro la corona inglese, francia contro l'aristocrazia corrotta, la stessa spagna vinse contro gli stalinisti e costrui le premesse per un grande salto di civilta conservatrice. basta usciamo allo scoperto, facciamo ritornare nelle fogne della stroira comunisti e mantenuti di regime

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa