• Occhio, vi tengo d’occhio!
    A cura di Silvio Foini
  • 23.1.13
    Concussione, corruzione e rivelazione del segreto d'ufficio: per queste accuse è finito in carcere il pubblico ministero di Roma Roberto Staffa

    I reati contestati sarebbero legati a favori in cambio di sesso. Il ministro della giustizia Severino ha richiesto gli atti per poter valutare azioni disciplinari nei confronti del magistrato. reo di aver richiesto prestazioni sessuali ad alcuni trans per evitare loro i guai con la giustizia. Uno di questi avrebbe raccontato i fatti ad un altro pubblico ministero, che a propria volta avrebbe informato i colleghi di Perugia che hanno provveduto all’installazione delle telecamere nascoste ed alle cimici. Questi mezzi hanno fornito le prove della colpevolezza ed il pm é finito in galera. L'avvocato Salvatore Volpe, difensore del magistrato, ha dichiarato di non aver ancora visionato l'ordinanza di custodia cautelare. “Gli inquirenti - ha precisato - mi hanno informato che è stata secretata. Devo comunque sottolineare che Staffa è un galantuomo assoluto, un magistrato che ha sempre anteposto il dovere e gli impegni professionali alle esigenze personali. Un magistrato eccezionale - ha aggiunto - che fino ad oggi è sempre stato un mio avversario di incredibile valore in tribunale”.

    Ipse dixit e noi, fino a condanna avvenuta, gli crediamo. Certo è che il fatto sconcerta, le prove sono inequivocabili e l’onest’uomo i suoi peccatucci o peccatoni li ha commessi in un luogo pubblico quale l’ufficio di un pm, come dimostra la tecnologia che non fa sconti a nessuno, nemmeno ai magistrati. La faccenda lascia l’amaro in bocca: non dovrebbero essere uomini integerrimi questi magistrati? Va bene che in ogni buona famiglia c’è ogni tanto una pecorella nera…

    Sono presenti 12 commenti

    Anonimo ha detto...

    A dimostrazione che nessuno é perfetto. Giudici compresi.Che bella Italia.

    Anonimo ha detto...

    Si, concordo niente va' bene -- ma nulla avvilisce quanto l'amara e veramente triste realta' di quante ne abbiano fatte i "religiosi" della chiesa Cattolica. Almeno questa storia non riguarda bambini!

    Anonimo ha detto...

    Vero. Purtroppo è così. Le pecore nere stanno dappertutto e spesso si celano dietro insospettabili personaggi. Il mondo ha perso i valori fondamentali. Politici, insegnanti, religiosi e ora ma non da ora, suppongo, anche i magistrati.

    Anonimo ha detto...

    Sì...però non cominciamo con la storia ridicola dei "magistrati comunisti" solo perchè GIUSTAMENTE e DOVEROSAMENTE toccano i soliti potenti che si credono intoccabili...

    Anonimo ha detto...

    sono uomini come gli altri...i MMMMagistrati e sono sicurissimo ne fanno anche molto di peggio.......

    Anonimo ha detto...

    Invece di Ingegneria'medicina'architettura o altrie materie loro hanno studiato(forse)legge e per questo si sentono al di sopra di tutto e di tutti.Ogni tanto in mezzo a loro ci sta qualcuno buono che fa il proprio dovere come in ogni categoria di lavoratori.SONO SOLO UOMINI ,

    Anonimo ha detto...

    Uauh! Che bello, una volta tanto non potranno parlare male di Berlusconi... E chi ha orecchie per intendere, intenda...;-)

    Anonimo ha detto...

    Questa è una persona che dovrebbe affidarsi alle cure della dottoressa Federica ( e con lui ci sarebbero tanti nomi illustri). Marj

    Anonimo ha detto...

    Ad esempio Monti, Bersani, Vendola, Casini...
    Solo che la dottoressa non avrebbe tempo per respirare dovendosi prendere cura di tanta gente...
    Mario Alberto. Forza Silvio! Ce la faremo ancora una volta a dispetto di chi vuol male.

    Anonimo ha detto...

    Avete dimenticato quello che più di tutti ne avrebbe bisogno, il vostro beniamino , ma...troppo rischioso affidarlo alle cure di una donna.

    Anonimo ha detto...

    Ormai non mi meraviglia più niente,però che peccato che la fine del mondo non sia avvenuta,potevamo ricominciare d'accapo.

    Anonimo ha detto...

    Speravi forse di cavartela per dire così? La fine era per tutti!

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa