• Occhio, vi tengo d’occhio!
    A cura di Silvio Foini
  • 29.12.12
    L’ex signora Berlusconi si aggiudica un fiabesco importo di mantenimento dal Silvione nazionale

    Alla faccia del mantenimento! 36 milioni di euro l’anno. Tre milioni al mese. Povera donna: ce la farà ad arrivare alla data fatidica di fine mese? Potrà pagare le bollette di luce e gas? Io penso che con una oculata gestione delle magre finanze ce la farà. Del resto se ci riesce un operaio della Fiat cassintegrato oppure un giovane laureato precario o anche un medico che lavora part-time per meno di 1.000 euro al mese, la gentilissima signora non dovrebbe avere che qualche piccolissimo problema. La sentenza strangola-Berlusca è stata depositata il giorno di Natale. In gran segreto. Quale regalo migliore? Alla gentile signora è sfumata però la grande villa di Macherio che rimarrà al povero Silvio. Del resto, vogliamo dare un tetto a questo pover’uomo o vogliamo che vada a vivere sotto un ponte?

    E così finita la favola bella della signorina Miriam Raffaella Bartolini da Bologna, classe 1956, in arte Veronica Lario, che aveva incontrato un baldo Cavaliere tanto affascinante quanto cugino primo di Paperon dei Paperoni. Resta l’amara vicenda della fine di un amore.

    Al di là di ogni vicenda economica che può fare scuotere il capo per la desolante freddezza delle enormi cifre di mantenimento, resta l’indignazione per tutta la vicenda. In un paese dove la gente campa con quattro soldi, o meglio, sopravvive alla gogna delle tasse che gli piovono addosso da ogni parte, ci sono “principesse” milionarie che vivranno nel lusso. A volte sposare un tizio col portafoglio che scoppia conviene! Quando poi il nababbo ne combina qualcuna di troppo che va a ledere la dignità della sposina, una bella pedata nel deretano e, come diceva quell’altro egregio signore del Po, “Fo di bal!”.

    Ah, povero Silvio! Del resto, l’hai mica detto tu “sic transit gloria mundi”? Eccoti servito di barba e capelli! Di capelli, ovviamente, si fa per dire!

    Sono presenti 7 commenti

    Anonimo ha detto...

    Poverina davvero,speriamo ce la faccia a mantenere il tenore di quando il suo nababbo dormiva nel suo letto altrimenti ricorrerà... a chi? Da quando ho letto la notizia mi continuo a chiedere : come farei a spendere quella cifra in un giorno? Magari con un po' d'impegno.. chissà , ma mio marito mi ha già detto che non me li darebbe!! Comunque è triste.

    Anonimo ha detto...

    EEEEEEEEEE Brava Veronica proprio un bel colpaccio inflitto all'indomito Cavaliere!!!!

    Anonimo ha detto...

    Caro mangnate del calcio, così si fanno le "Veroniche!" cribbio che stangata negli stinchi!
    Viva JUVE!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Anonimo ha detto...

    avete sentito il Cav? A dare tanti soldi alla Veronica sono state 3 giudichesse comuniste!
    Intanto lui sta tornando. Vincerà ancora. Noi perderemo ancora una volta. Destino crudele.
    E allora viva il Cav.

    Donna Cerca Uomo Pisa ha detto...

    Really enjoyed this blog post, is there any way I can receive an update sent in an email when you write a new post?

    Anonimo ha detto...

    Auguroni Veronica! Sei stata grande, ed hai tanta dignita, BRAVA!

    Anonimo ha detto...

    La differenza che passa tra una donnaccia presa per strada e sposarne una è che quando te ne sposi una poi devi pagarla per rattoppare il suo cuore spezzato. La Sig. Lario aveva già un amante da tempo (forse anche altri) per cui le corna erano reciproche. Senza nulla togliere agli errori del Cavaliere, 3 milioni al giorno per una sgualdrina nobilitata che non parla anche per il fatto che altrimenti salterebbero fuori anche i suoi di altarini mi pare un po' troppo. Poi se uno odia il Cavaliere a prescindere è un altro discorso. Ma il fatto che neppure i figli si siano schierati con chiarezza la dice lunga sul come siano le cose. Diciamo che Berlusconi è stato sputtanato mentre la moglie ha fatto lo stesso ma nessuno l'ha vista e tocca pure pagarla. E' una sentenza femminista come tante altre in Italia.

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa